Come sarebbe un mondo a colori?

Come sarebbe un mondo a colori?

Proviamo a colorarlo

Il lavoro svolto da noi studenti e dagli insegnanti della 5°D durante il precedente anno scolastico, riguardo la stesura della relazione e lo sviluppo dell’area di progetto “Un mondo a colori”, si é sviluppato in diversi mesi di lavoro. Esso infatti ha compreso anche tante ore di laboratorio nelle quali abbiamo preparato coloranti e stoffe, ore di ricerca su libri di testo e su Internet riguardo l’argomento, e poi tutto il lavoro di stesura della relazione finale. Ma procediamo per gradi…

COLORANTI PER STOFFE

Immagine di Coloranti per stoffe

Nel primo capitolo della nostra relazione abbiamo trattato il tema dei coloranti per stoffe, partendo dalla storia e utilizzandola per arrivare a parlare delle più recenti scoperte riguardo ad essi, al loro utilizzo in campo industriale, fino allo sviluppo che avranno in un immediato futuro. Altri argomenti trattati sono stati la sintesi chimica dei coloranti e le tecniche di fissaggio sulla stoffa tuttoggi utilizzate nelle industrie.

COLORANTI PER ALIMENTI

Nel secondo capitolo abbiamo parlato dei coloranti alimentari, un altro tema fondamentale dei coloranti chimici. Questo ramo della chimica si è infatti sviluppato a metà del 1800, e da allora ha percorso una strada piuttosto faticosa; nel corso degli anni si sono scoperte tantissime tecniche di sinterizzazione di questi coloranti, ma il problema fondamentale è che la maggior parte di essi si sono rivelati essere nocivi o tossici, comunque molto pericolosi per l’uomo! Ecco perché dai 700 conosciuti alla fine dell’800 si è arrivati ad utilizzarne solamente sette! Oggigiorno l’utilizzo dei coloranti naturali è controllato dalle normative dell’UE, e vengono classificati con un numero posticipato dalla lettera E.

PARTE SPERIMENTALE

Per quanto riguarda la parte strumentale, o meglio, di laboratorio, tutto diventa molto interessante partendo dal fatto che abbiamo sintetizzato noi dei coloranti quali Fluoresceina usando come reagenti l’anidride ftalica, la resorcina, lo zinco cloruro e l’acido cloridrico, l’Eosina usando la fluoresceina e il bromo, il Metilarancio usando acido solfanilico, dimetilanilina, nitrito di sodio, acido cloridrico; per quanto riguarda i coloranti naturali abbiamo lavorato con la Robbia, la Reseda e l’Indaco trattando anch’essi prima di fissarli sulle stoffe.

Per molti dei coloranti prima citati viene utilizzata la mordenzatura per fissarli alle stoffe; ma che cos’è la mordenzatura, e in cosa consiste ??

Immagine di Coloranti
Immagine di Coloranti

La mordenzatura è un metodo di fissaggio del colorante alla stoffa che permette di rendere il colore più resistente agli agenti atmosferici, al sudore, al lavaggio; essa consiste nell’effettuare un bagno mordenzante alla stoffa prima del bagno di colore. Il mordente può essere un sale di metallo quale Allume (solfato di alluminio e potassio), rame (solfato rameico), cromo (bicromato di potassio), stagno (cloruro stannoso), ma anche acido tannico. Esso si lega ai gruppi nitrici e ossidrilici della stoffa, formando poi dei ponti con il colorante (l’acido tannico invece funge da colla).
Lana e seta:Lana e seta

Nelle nostre esperienze abbiamo utilizzato i sali di rame (CuSO4 . 5H2O), stagno (SnCl2 . 2 H2O), solfato ferroso(FeSO4 . 7H2O) e allume; non abbiamo utilizzato i sali di cromo perché sono tossici e inquinanti. Tutti i bagni hanno una concentrazione 0,1M in mordente.

Immagine

Come stoffe abbiamo utilizzato seta e cotone, una fibra di origine animale e una di origine vegetale. Esse sono state lasciate nei bagni di mordenzante per circa 15-20 minuti. Inoltre ai bagni è stato aggiunto del cloruro di sodio (NaCl) per rendere la stoffa più lucente.

A questo punto la stoffa è stata immersa nel bagno di colore, con 0,1g di colore in 200ml di acqua. Dopo circa 15-20 minuti che la stoffa è immersa nel bagno di colore la si può togliere dal bagno e, una volta lavata, viene fatta asciugare.

Si può notare che la stoffa, sia cotone che seta, immersa nel colore senza mordenzatura non presenta una buona colorazione; tutti i pezzi di seta mordenzati, invece, presentano una colorazione molto intensa e lucente.

Archivio news

Calendario impegni

gennaio 2019

lun mar mer gio ven sab dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31